Selezione Store Manager

Parliamo dello Store Manager!

Quali sono i punti fondamentali per selezionare un bravo Store Manager e quali sono i KPI da tenere in considerazione?
Intanto proviamo a definire il suo ruolo: è l’ambasciatore del punto vendita! Rappresenta l’azienda (se parliamo di flagship store) ed è il capitano della “scialuppa”! A lui/lei il timone del negozio e, come ogni buon comandante, avrà il temerario compito di portare l’equipaggio al raggiungimento degli obiettivi (day/week/month/quarter/year).

Sa destreggiarsi tra il rush hour ed i momenti di calma piatta, cercando di mantenere sempre alto il morale.

Ha un occhio attento sia verso lo store che verso il suo team e comprende i momenti più critici (es. un cliente molto esigente) o un momento di “fiacca” di uno dei suoi collaboratori.

In estrema sintesi è un vero Coach (proprio per questo negli store sono previste sessioni di shadow coaching!). Supporta sempre la sua squadra perché è consapevole che il successo del punto vendita dipende dall’impegno e dalla collaborazione di tutti coloro che ne fanno parte.
È un fanatico degli Store KPI (traffico, scontrino medio, battuta media, conversion rate, vendite, vendite per metro quadrato, customer satisfaction, tasso di fedeltà, costo medio orario, produttività per FTE, margini ecc…) perché gli consentono di tracciare la rotta e capire il comportamento ed il motivo dell’ acquisto da parte del consumatore. Una diagnosi attenta dei KPI gli consente di condividere i risultati con il team e di promuovere azioni mirate per raggiungere i target prefissati.

Quando facciamo la selezione di uno Store Manager, analizziamo attentamente le soft skills necessarie per ricoprire questa posizione nel mondo Retail.
Ecco alcuni esempi: lo Store Manager deve avere una grande energia, è un achiever sempre teso al raggiungimento dei target, soprattutto nei momenti difficili; deve sviluppare doti di leadership e, punto fondamentale, ha un ascolto attivo sia verso il cliente che nei confronti del team; è una persona con un sano pragmatismo ed è dotata di veloce problem solving; ha grandi skills analitiche ed una sviluppata capacità organizzativa del planning e dei tasks.
Quando si seleziona uno Store Manager, per un headhunter è molto utile recarsi insieme a lui nello store che andrà a guidare per capire meglio com’è composta la squadra e qual è il clima del punto vendita. Qualora fosse possibile, dopo il primo colloquio, sarebbe utile fare una successiva interview più informale, dove viene simulato un giro di shopping in centro città per capire che opinioni ha il futuro Store Manager dei suoi competitors e dei trends del Retail.

By |2017-12-21T07:38:46+00:00dicembre 21st, 2017|Categories: Uncategorized|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment