Come scrivere un CV efficace

Come scrivere un CV efficace - consigli di carriera Sales Line

Condividi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Da anni a questa parte scrivere un CV efficace è la carta d’identità per accedere al mondo del lavoro.

Grazie a un buon curriculum ognuno, in base alle proprie competenze, si presenta in maniera professionale ai futuri potenziali datori di lavoro sparsi per il mondo.

È pertanto di fondamentale importanza rendere efficace il proprio curriculum, cioè impostarlo e scriverlo correttamente, al fine di renderlo appetibile e catturare da subito l’attenzione di chi lo legge.


Come scrivere un curriculum vitae efficace?

Partiamo con tre consigli per l’impostazione del CV.

 

Brevità: il CV deve essere impostato su poche pagine, o meglio ancora su una sola pagina.

 

Infatti, più pagine ci sono, minore sarà l’efficacia comunicativa del proprio elaborato.

È possibile scaricare dei modelli di partenza molto interessanti e ben strutturati tramite Canva o Word. Meglio scegliere un modello minimal, con pochi colori.         

 

Leggibilità: è importante creare delle sezioni, utilizzare elenchi puntati e mettere in grassetto gli elementi più importanti.

 

Spesso la prima lettura del CV avviene in velocità. 

Infatti, i recruiter devono visionare centinaia di curricula. Per questa ragione è importante strutturare il proprio CV in modo da mettere subito in evidenza gli aspetti più importanti.

 

Unicità: è importante rendere unico il CV.

Questo vi permetterà di spiccare rispetto a tutti gli altri. Come? Aggiungendo dettagli utili come ad esempio:

  • le esperienze come Au Pair
  • i progetti universitari
  • il volontariato
  • l’associazionismo
  • la descrizione dei propri hobby

Quest’ultimo punto è molto importante: chi vi legge è pur sempre una persona e, per questo, far emergere gli aspetti più caratteristici della vostra personalità renderà più efficace il vostro CV.

 

Cosa scrivere nel curriculum

Per decidere cosa scrivere nel curriculum e che rilevanza dare alla formazione e all’esperienza, dobbiamo fare una distinzione tra i CV di persone con maggiore seniority e CV di neolaureati in cerca di una prima esperienza lavorativa.


Il CV per chi ha già diverse esperienze lavorative

Se siete tra coloro che hanno molte esperienze di lavoro e temete di non riuscire a impostare il CV su un’unica pagina, ecco 10 spunti che possono fare al caso vostro.

  1. Innanzitutto, è importante rendersi conto che il CV deve invogliare il recruiter a chiamare il candidato, quindi non è necessario riempirlo di dettagli superflui.
  2. È utile scrivere una breve presentazione di sé per indicare la qualifica, gli anni di esperienza, il settore e le competenze principali.
  3. Successivamente, deve esserci una sezione dedicata alle esperienze professionali: è bene focalizzarsi su quelle più recenti.
  4. Aggiungere dati, numeri, nomi come ad esempio:
  5. Il fatturato annuo
  6. A che tipo di clienti ci si rivolge
  7. I KPI su cui si viene valutati
  8. Fornisce un’idea della portata delle responsabilità e del ruolo ricoperto
  9. Per quanto riguarda la forma è importante che ci sia un ordine cronologico, il testo deve essere allineato al fine di rendere più chiaro e leggibile il CV.
  10. Infine, per quanto riguarda la formazione, è possibile sintetizzarla in poche righe in quanto spesso è meno rilevante rispetto all’esperienza lavorativa.

 

Il CV per chi è all’inizio della carriera

A differenza del solito CV, che prevede in primo piano le esperienze di lavoro dal più recente al meno, il curriculum di un neolaureato si può strutturare in questo modo:

  1. In primo piano, spicca l’esperienza formativa: diploma, lauree, master, corsi di specializzazione e progetti universitari.
  2. Importanti sono anche i PCTO e il volontariato: danno un’idea del tipo di persona che si ha “davanti”.
  3. Conoscenze linguistiche: indicare livelli (e se in possesso, i relativi certificati). I soggiorni all’estero sono considerati un plus.
  4. Competenze tecniche e social media.
  5. Hobby: è molto importante aggiungere le proprie passioni. Permetteranno ai recruiter di capire che tipo di persona siete al di fuori del lavoro.
  6. Contatti: fondamentale aggiungere mail o numero di telefono, come potranno contattarvi altrimenti?

 

Esempio di CV efficace

Proviamo quindi a presentare un modello di CV efficace che potete scaricare per vedere in pratica quello di cui abbiamo parlato fin qui.

Naturalmente è soltanto un esempio puramente indicativo di CV, si tratta di linee guida personalizzabili e adattabili a ciascuno secondo le specifiche necessità.

Concludiamo ricordando tre punti essenziali da non dimenticare quando scrivete il vostro curriculum:

  • Scrivere in alto sul CV siano ben chiari il nome e il cognome e anche la qualifica: questo permetterà al recruiter di capire subito per quale posizione vi state candidando.
 
  • Aggiungere una presentazione del proprio profilo che metta in risalto esperienza, competenze e desiderata.
 
  • Organizzare tutto ciò che è rilevante mettendolo in risalto, anche tramite grassetti per catturare subito l’attenzione.
 
Provate a rileggere il vostro CV e guardate se c’è qualcosa che potreste migliorare per renderlo più leggibile, unico ed efficace.

Trasformazione digitale

Scopri come le aziende italiane affrontano la trasformazione digitale